Il valore della narrazione

Raccontare storie paga

La narrazione, oggi più che mai, è un elemento fondamentale per fornire valore aggiunto perchè la costruzione della nostra identità passa anche attraverso gli oggetti che compriamo e le narrazioni che incorporano.                                                                                  Siamo passati dallo shopping come status ( far vedere) allo shopping come essere qualcosa o qualcuno, per esprimere parti identitarie. Oggi prima si comprano le storie di cui i prodotti sono espressione poi si consumano gli oggetti. Prima ci si informa sulla storia di un territorio e poi lo si visita.

Non images interessa più soltanto la qualità oggettiva dei prodotti ma anche quella simbolica e finzionale che è diventata parte strutturale del valore economico.  Non è un caso che sia in forte aumento la vendita di prodotti biologici, naturali, ecosostenibili ed ecosolidali.  Il loro consumo ci permette di aderire ad un sistema di valori di cui vogliamo o sentiamo di essere parte. E per quei valori siamo anche disposti ad accettare moderati aumenti di prezzo.

Nel post precedente sottolineavo come la parte del cervello chiamata nucleo accumbens, si attivi quando vediamo un prodotto che desideriamo e come la sua funzione sia appunto quella di immaginarsi il piacere derivante da quel consumo. Ma la proiezione di questo immaginario, ad esempio vedermi con le scarpe che sto guardando in vetrina indossate ad una serata particolare, non è altro che una costruzione narrativa, cioè produco  e mi proietto mentalmente il film di quella serata in cui indosserò le mie bellissime scarpe. Ecco perchè il compito di chi fa consulenza alle vendite deve anche essere quello di saper stimolare narrazioni sul prodotto, evocare mondi possibili, proiettare immaginari carichi di valenze simboliche. Una buona storia insomma può fare quello che non riesce ad un corposo sconto.

UnknownIl consumo diventa uno dei modi per conferire senso al mondo sociale e riconoscimento interpersonale. Per questo la narrazione è diventata fondamentale, poichè genera un riconoscimento biografico tra chi produce e chi consuma L’operazione della Ferrero e di Coca Cola che hanno messo sul mercato i prodotti con  nomi  personalizzati  rinunciando al propio brand è significativa di questa volontà di identificazione.

Una riuscita narrazione del modello  produttivo emiliano  è  lo spot della Maserati Ghibli, che riproducendo l’archetipo di Davide contro Golia, è riuscito a costruire una narrazione esemplare e fortemente emotiva in cui si rispecchia l’identità emiliana, un posto di gente tosta che non si arrende mai.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il valore della narrazione

  1. Antonio ha detto:

    Ciao Vignu,come sempre mi stimoli la creatività’. Sto rifacendo il sito dello studio ed ora e’ arrivato il momento di verificare se si “legge” la storia!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...